domenica 1 gennaio 2012

quattordici cose che adoro di napoli

dieci cose che adoro di napoli

1) I furti alle mogli dei calciatori del Napoli, con la Camorra che interviene e fa restituire gli oggetti rubati in onore alle imprese dei loro campioni.
2) Il Napoli che vince un po’ di partite e il Sindaco, anche il più moralizzatore, interviene dicendo che è una grande occasione per il rilancio della città.
3) I cittadini di Napoli che per protestare contro l’immondizia danno fuoco ai cassonetti e poi trovano anche il tempo, nonostante il lavoro, di andare a bloccare i camion fuori dalle discariche.
4) I grandi personaggi napoletani intervistati dai telegiornali che dicono che non è vero che a Napoli c’è più delinquenza e bisogna portare rispetto alla città e la colpa non è dei napoletani ma dei politici.
5) La simpatia e la cordialità di Aurelio De Laurentiis.
6) Riconoscere gli scippatori perché sono gli unici in motorino con il casco.
7) I servizi del tg5 a dicembre per presentare i pupazzi di Berlusconi, Mario Monti e la Merkel nel presepe.
8) I sequestri dei NAS di quintali di mozzarelle di bufala.
9) Roberto Saviano che va a parlare agli indignados a Manhattan.
10) Roberto Saviano che accusa di camorra il sindaco di Pignataro Maggiore e poi si scusa dicendo che si è sbagliato.
11) Roberto Saviano che legge i messaggi di San Valentino dei lettori di Repubblica.
12) I bollettini di guerra del primo dell'anno.
13) Navigare sottocosta per far salutare i parenti sull'isola dal capomaitre e far naufragare la Costa Concordia.
14) Scassinare le auto e lasciare un biglietto per andare a vedere il Napoli come consolazione.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

sad but true.

Anonimo ha detto...

n. 6: sono gli unici in motorino CON il casco.

dezzy boy ha detto...

quasi freudiano come lapsus

Anonimo ha detto...

una normale e condivisa rimozione del casco "rimosso" dagli amici partenopei.

Posta un commento